Crotone Città Olimpica



PREMESSA

L’Ufficio Scolastico Regionale ATP-Coordinamento EMFS di Crotone, la Soprintendenza ai Beni Archeologici della Calabria, il Comune di Crotone, la Provincia di Crotone, la Camera di Commercio, la Confindustria Crotone , il Coni Provinciale, il Centro Territoriale dell’I.C. “M.G. Cutuli” il CSV Aurora e la Consulta degli Studenti, nell’ambito del progetto MIUR “La Scuola per Roma 2020” presentato a Roma il 16/12/2011, attraverso il progetto CROTONE CITTA' OLIMPICA, intendono sostenere la candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2020, coinvolgendo le scuole in un programma di iniziative dedicate a questo importante evento, con l’obiettivo di diffondere tra gli studenti i valori più autentici dello sport e dello spirito olimpico come il fair play, la lealtà, e il rispetto dell’avversario.

E’ importante mantenere l’identificazione, mettendo al centro della candidatura romana: l’uomo, l’identità, la storia, la tradizione, i valori. Il successo della candidatura passa anche attraverso la crescita di cultura sportiva dell’intera nazione e il suo coinvolgimento nel sogno olimpico

L’ATP-Coordinamento Educazione Motoria Fisica Sportiva di Crotone è fortemente impegnato in un progetto ad ampio respiro, che prevede, da un lato, strumenti di programmazione come il “Piano Provinciale per le attività motorie, fisiche e sportive”, il “Censimento degli impianti sportivi scolastici”, “impegni di spesa per lo sviluppo delle attività sportive scolastiche” “Crotone Città Olimpica” con cinque progetti tematici, una serie di alleanze e collaborazioni con le istituzioni locali e territoriali, istituzioni sportive e associazioni di volontariato, dall’altro, si lavora per un coinvolgimento generalizzato dei docenti e degli alunni in un’attività in cui l’aspetto quantitativo della partecipazione si coniughi con l’esigenza di valorizzare le eccellenze.

Nel formulare un Piano Provinciale delle Attività Sportive Scolastiche non si può prescindere dall’identità storica di Crotone, avamposto dell’Olimpismo antico in Italia, è necessario quindi recuperare tale tradizione storica attraverso un’operazione integrata che coinvolge l’intero sistema formativo, rilanciando i valori sportivi attraverso la CARTA ETICA DELLO SPORT KROTONIATE E DELLO SPIRITO OLIMPICO, la Mostra Iconografica “L’AGONISTICA TRA I GRECI D’OCCIDENTE” (scarica il depliant) e L’ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE SCOLASTICHE, per diffondere nell’attualità, attraverso i docenti di educazione fisica e gli insegnanti di educazione motoria, i principi originari dell’olimpismo antico e contemporaneo tra i ragazzi che frequentano la scuola, pronti a svolgere un ruolo futuro, da cittadini attivi e pensanti.



CROTONE CITTA’ OLIMPICA


I Giochi Sportivi Studenteschi saranno simbolicamente dedicati alla candidatura di Roma 2020


Crotone Città Olimpica non vuole essere uno slogan astratto, Crotone non ha bisogno di organizzare un’Olimpiade per avere questo aggettivo, l’Olimpismo è nel dna, nel patrimonio genetico di questa città, che grazie alla sua storia sportiva può offrire ai nostri cittadini e al nostro Paese, quei Valori dello Spirito Olimpico, (Amicizia, Fair Play, Pace, Onore, Gloria) di cui abbiamo la necessità di recuperarli, metabolizzarli e diffonderli alle future generazioni.

Lo stesso Mario Pescante (vicepresidente CIO e presidente del comitato organizzatore di Roma 2020) in una venuta a Crotone nel settembre del 2006 definì questa città "Capitale Italiana dell'Olimpismo antico".

La scuola crotonese intende far conoscere il proprio patrimonio sportivo, culturale, archeologico, artistico, paesaggistico, con i suoi prodotti della terra e le sue produzioni artigianali, il tutto per formare bravi cittadini che avendo coscienza della propria identità, sappiano affrontare la globalizzazione, per rilanciare, lo sviluppo e l’economia, nel rispetto della persona e del creato.

L'Olimpismo è una filosofia di vita, che esalta in un insieme armonico le qualità del corpo, la volontà e lo spirito. Nell'associare lo sport alla cultura ed all'educazione, l'Olimpismo si propone di creare uno stile di vita basato sulla gioia dello sforzo, sul valore educativo del buon esempio e sul rispetto dei principi etici fondamentali universali. Lo scopo dell'Olimpismo è di mettere ovunque lo sport al servizio dello sviluppo armonico dell'uomo, per favorire l’avvento di una società pacifica, impegnata a difendere la dignità umana. La pratica sportiva secondo i principi olimpici è una forma di educazione particolarmente importante che deve essere incoraggiata fortemente, specialmente nelle scuole e nelle istituzioni educative. (Principi della Carta Olimpica) L’accento è posto non tanto sulla prestazione, quanto sulla trasmissione dei corretti valori dello sport e della cittadinanza attiva attraverso le attività motorie, fisiche e sportive.



COME SI REALIZZA IL PROGETTO


Si intende per “sport” qualsiasi forma di attività fisica che, attraverso una partecipazione organizzata o non, abbia per obiettivo l’espressione o il miglioramento della condizione fisica e psichica, lo sviluppo delle relazioni sociali o l’ottenimento di risultati in competizioni di tutti i livelli. (dalla carta europea dello sport)

Le aree tematiche da trattare nell’ambito dei GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI sono:

SPORT E CULTURA:
E’ di un certo interesse per la Storia dell’Educazione Fisica e dello Sport che Crotone sia stata la culla della Ginnastica Educativa presso il Ginnasio di Pitagora, dove venivano formati, attraverso esercizi ginnici e mentali, i giovani cittadini forti nel fisico (atleti) ed anche fini pensatori (filosofi)

La vita del sodalizio Pitagorico è infatti ricchissima di insegnamenti, le sue componenti sportive sono le più interessanti per far luce su quello che lo spirito agonale significava per gli antichi greci e quanto questo pervadeva ogni manifestazione della vita civile, politica, economica, militare, religiosa ed altro.

E’ importante recuperare l’identità storica di Crotone, “avamposto dell’Olimpismo antico in Italia”, attraverso la collaborazione con le scuole del territorio.
Occorre creare luoghi dove poter trovare e percepire “lo spirito olimpico antico”, attraverso mostre, pubblicazioni, convegni, seminari, un centro di documentazione, riproduzioni di oggetti legati all’agonistica, proiezioni di filmati, percorsi virtuali interattivi dove vivere l’emozione di un sorprendente viaggio a ritroso nel tempo, quando il nome dell’antica Kroton echeggiava per tutto il Mediterraneo grazie ai suoi Atleti.

L’ATP-Coordinamento EMFS di Crotone, attraverso il patrimonio storico culturale sportivo, intende sostenere la candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2020, come occasione per conoscere da vicino un evento sportivo d’importanza mondiale che coinvolge aspetti sociali, ambientali, storici e culturali.

Iniziative in programma:

CASA DELL’AGONISTICA: Mostra Iconografica “L’Agonistica tra i Greci d’Occidente” (scarica il depliant)
Mostra Iconografica “Atletismo e Olimpismo in Grecia e Magna Grecia”
Mostra “Le terrecotte della Magna Grecia e le anfore panatenaiche”.
Corso per anomatore culturale "Kroton e agonistica antica" presso il C.T. "MG Cutuli Kr"
- INTITOLAZIONE STRADA A “MICHELE DI DONATO” storico dell'educazione fisica e dello sport
- INTITOLAZIONE PISTA DI ATLETICA LEGGERA A “PHAYLLOS” pentatleta crotoniate
- IL GINNASIO PITAGORICO guida pratica alle attività motorie e sportive 2010/2011
- Conferenze: DA OLIMPIA A LONDRA 2012
- Conferenza: Lo sport come filosofia di vita
- Conferenza: Lo spirito e i simboli Olimpici fatti rivivere da De Coubertin.
- Concorsi: MUSICA, RACCONTO SPORTIVO, POESIA, DANZA, FOTOGRAFIA.
- CENTRO DI DOCUMENTAZIONE PER L’EMFS E L’OLIMPIMO ANTICO

SPORT E SALUTE:
E’ importante che nella scuola crotonese ci sia la consapevolezza di affermare un nuovo progetto pedagogico globale, incentrato sulla proposta di un’ampia gamma di stimoli culturali, fra i quali l’attività motoria e lo sport, che devono acquisire autorevolezza e pari dignità in rapporto alle altre componenti didattiche e con esse produrre uno straordinario sforzo sinergico a favore degli studenti, agendo sulle loro potenzialità, i loro bisogni, la ricchezza delle loro relazioni, la varietà dei loro modi di essere.

Occorre creare un processo culturale per rilanciare l’attività motoria e lo sport a scuola che nasca dalle idee già vive nelle tante realtà che da anni creano, organizzano, sperimentano, provano, suggeriscono e promuovono l’educazione motoria e sportiva.

L’attività motoria lo sport come elemento fondamentale di uno stile di vita salutare per i più giovani. L’importanza della conoscenza dei propri limiti, di una corretta alimentazione nella pratica sportiva, l’attività motoria, la prevenzione e l’alimentazione, come teorema del benessere, per promuovere corretti stili di vita. L’allenamento e la preparazione necessari per fare attività motoria, fisica e sportiva.

Iniziative in programma:
- SCUOLA E SANITA' da UNA Regione in Movimento alla promozione della salute come proposta pedagogica stabile
- ALFABETIZZAZIONE MOTORIA
- IL TEOREMA DEL BENESSERE: attività motoria, alimentazione e prevenzione.
- NUOTO A SCUOLA
- ATLETICAMENTE: manifestazioni promozionali di atletica leggera
- SPORT E DISABILITA’

SPORT E AMBIENTE:
Oggi, nell’era di massima industrializzazione e sfruttamento delle risorse energetiche della nostra terra, ci porta ad affrontare le più grandi sfide che segnano il nostro tempo. L'azione educativa e comportamentale di responsabilità verso l’ambiente e tutto ciò che ci circonda potrebbe essere una delle soluzioni affinché noi ed i nostri posteri possiamo ancora in futuro godere di questa immensa ricchezza, patrimonio dell’intera umanità.

L'educazione ambientale attraverso lo sport ed il rispetto dei nostri territori, ( che comprende l’Area Marina Protetta di Capo Rizzuto e il Parco Nazionale della Sila) costituisce sempre di più il tema privilegiato per l’educazione delle persone, per un progetto educativo, per un giusto percorso di cittadinanza tra i saperi disciplinari e le competenze evolutive della persona (attività motorie e sport in ambiente naturale, orientamento, espressione creativa, relazionalità, attitudine alla scelta e al cambiamento).

In concreto, si tratta di cogliere e sviluppare il nesso tra la capacità e l’integrazione alla responsabilità dei singoli e del sistema, alla conoscenza e alla tutela di questi luoghi di inestimabile valore. La pratica dello sport in montagna, al mare, nei parchi cittadini nel rispetto dell’ambiente, con particolare attenzione alle interazioni tra Ambiente e Giochi Sportivi Studenteschi impegnando la Scuola per lo sviluppo sostenibile.

La tutela e la conoscenza dell’ambiente e delle comunità, anche sotto il profilo culturale e sociale. La tutela dell’ambiente in relazione alla pratica di attività sportive. Il corretto comportamento sportivo in ambiente naturale.

Iniziative in programma:
- EDUCATINAL: SPORT, AMBIENTE E TURISMO SCOLASTICO
- CAMPUS: VIVI LA MONTAGNA
- PROGETTO: VIVIAMO I PARCHI CITTADINI
- SCUOLE APERTE PER FERIE

SPORT , LEGALITA’ E CITTADINANZA:
La scuola, fermamente convinta di contribuire ad una formazione europea degli alunni, non vuole mancare una ulteriore occasione di costruzione di cittadinanza attiva attraverso lo sport.
La pratica sportiva secondo i principi olimpici è una forma di educazione particolarmente importante che deve essere incoraggiata fortemente, specialmente nelle scuole e nelle istituzioni educative.

Con il termine “cittadinanza” si vuole indicare la capacità di sentirsi cittadini attivi, che esercitano diritti inviolabili e rispettano i doveri inderogabili della società di cui fanno parte ad ogni livello - da quello familiare a quello scolastico, da quello regionale a quello nazionale, da quello europeo a quello mondiale – nella vita quotidiana, nello studio, nello sport e nel mondo del lavoro.

La Partecipazione degli studenti attraverso l’attività sportiva può e deve essere una palestra di democrazia. I caratteri originali della fase di sperimentazione saranno quelli di promuovere la partecipazione attiva degli studenti in attività di volontariato, di competizione sportiva corretta, di educazione alla legalità, di tutela dell’ambiente. Particolare importanza sarà data alla partecipazione attiva degli studenti nei Centri Sportivi scolastici dalla rappresentanza d’Istituto, alle fasi provinciali dei GSS.

L’attività sportiva scolastica ha, tra gli altri, l’obiettivo di promozione del fair play e dei valori positivi insiti nello sport e nelle competizioni di qualsiasi tipo, il cui percorso formativo, come noto, è finalizzato ad una maggiore consapevolezza dei propri diritti e doveri fin dall’età scolare, ma vuol dire anche lotta e prevenzione al disagio, alle devianze e alle delinquenze giovanili ed adulte.

Alcuni esempi di modalità operative Le discipline sportive in programma nei Giochi Sportivi Studenteschi saranno analizzati da diversi punti di vista: l’organizzazione, i ruoli, la storia, le gare e il regolamento, i materiali, le curiosità, i campioni di ieri e di oggi. Dagli sport all’aria aperta (Corsa Campestre, Atletica Leggera, Calcio, Orienteering, Sci alpino, Tennis, Vela), agli sport negli impianti sportivi coperti, ( Calcio a 5, Judo, Nuoto, Pallacanestro, Pallavolo, Pallamano, Tennistavolo) L’importanza della sicurezza e il rispetto delle regole di comportamento nella pratica sportiva. La scienza e la tecnologia al servizio dello sport, degli alunni e della scuola, in particolare: la scienza applicata al rapporto spazio-tempo (misurazione), alla preparazione fisica, all’evoluzione dello stile e ai materiali sportivi. L’organizzazione del Centro sportivo scolastico, di una manifestazione sportiva, di una programmazione didattica per competenze. La comunicazione della manifestazione sportiva in tempo reale grazie alle nuove tecnologie e ai nuovi mezzi di comunicazione.

Iniziative in programma:
- PROMOZIONE DELLA CARTA ETICA DELLO SPORT KROTONIATE
- LA SFIDA EDUCATIVA NEI PROSSIMI 10 ANNI
- LA COMUNICAZIONE SPORTIVA
- LA VALORIZZAZIONE DEI CENTRI SPORTIVI SCOLASTICI

SPORT, DIRITTI UMANI E INTERCULTURA:
La presenza di un tessuto sociale ed economico sempre più multietnico e multiculturale spinge la scuola, sede istituzionale dell’educazione e dell’istruzione, a rafforzare il confronto e il dialogo sui valori, regole condivise e a ricercare strategie adeguate in grado di favorire l’integrazione, la partecipazione degli studenti al proprio processo educativo-formativo e alla vita della comunità scolastica.

Strategie adeguate possono essere la lingua universale dello sport e dei Giochi Sportivi Studenteschi, dal al rispetto delle regole dello sport al rispetto delle regole nella vita di tutti i giorni, il rispetto delle regole di comportamento negli impianti sportivi come garanzia di sicurezza per tutti gli studenti.

Lo sport come strumento di solidarietà e come mezzo per promuovere la tutela dei diritti umani in questa realtà, porta d’Europa sul Mediterraneo.

Iniziative in programma:
- GIORNATE DEI DIRITTI DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA
- CROTONE PORTA D’EUROPA SUL MEDITERRANEO
- GARE E TORNEI CON GLI OSPITI DEL CENTRO D’ACCOGLIENZA S. ANNA

Il trait d’union tra i cinque ambiti è rappresentato dallo sport come filosofia di vita relativamente ai valori di cui lo sport si fa portatore: umanesimo, (centralità della persona umana intesa come soggetto e fine dell’azione), impegno, miglioramento, confronto, solidarietà/cooperazione, amicizia, uguaglianza, accoglienza, lealtà, fair play, dialogo, educazione alla legalità e cittadinanza attiva. Oggi l’autonomia scolastica offre la possibilità allo sport di trovare nuovo slancio nella scuola. Si tratta di andare incontro alle nuove esigenze di conoscenza e efficienza dei ragazzi, senza degenerazioni e stravolgimenti che compaiono invece spesso nello sport di oggi.





I Docenti di Educazione Fisica, e gli Insegnanti di Educazione Motoria, attraverso l’Educazione motoria-fisica e sportiva, potrebbero essere una risposta concreta alle necessità dei nostri ragazzi.

Un rilancio dell’attività motoria fisica e sportiva sin dall’infanzia può voler dire migliorare il nostro Territorio, nella famiglia, nella scuola, nelle parrocchie, nelle associazioni, nei rioni, quartieri o palazzi, significa sostituire il “non fare”, con il “fare” - l’apatia con l’operosità – il pessimismo con l’ottimistica cura di sé e con la fiducia nei propri mezzi e nelle proprie capacità.

“Uno sport scolastico organizzato, all’interno delle istituzioni, consentirà anche di realizzare efficaci interazioni con la Provincia di Crotone, il Comune di Crotone, i Comuni del Territorio, la Camera di Commercio, gli organismi sportivi come il Coni Provinciale, le Federazioni Sportive, gli Enti di Promozione Sportiva, le Associazioni Sportive Dilettantistiche, il CSV , le Associazioni di volontariato, con i quali, nel rispetto dei reciproci fini istituzionali che devono rendersi complementari e non alternativi, vanno instaurate sinergie compartecipative dalle quali potrà scaturire una significativa ottimizzazione nell’utilizzo delle risorse umane, strumentali e finanziarie”.

L’Educazione Motoria Fisica e Sportiva con le sue potenzialità formative e la sua capacità di suscitare interesse e impegno, è oggi riconosciuto come uno degli elementi essenziali e più validi di educazione permanente nel sistema globale dell’educazione. L’organizzazione dei Centri Sportivi Scolastici, che si basano sui valori dello spirito olimpico, può aiutare la scuola crotonese ad innescare un processo educativo che sia anche creativo e interattivo con i propri allievi, in cui lo sport può e deve restare un fattore di civiltà.

L’organizzazione dei Centri Sportivi Scolastici, che si basano sui valori dello spirito olimpico, può aiutare la scuola crotonese ad innescare un processo educativo che sia anche creativo e interattivo con i propri allievi, in cui lo sport può e deve restare un fattore di civiltà.

GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI
Scuole secondarie di I° e II° grado a.s. 2011/2012


I Giochi Sportivi Studenteschi (GSS) sono promossi ed organizzati dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), ATP- Coordinamento Educazione Motoria, Fisica e sportiva di Crotone, in collaborazione con il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) Provinciale, le Federazione Sportive Nazionali, la Provincia di Crotone, il Comune di Crotone, l’ASP N° 5 e la Camera di Commercio.

I Giochi sono riservati agli studenti delle scuole statali e paritarie di primo e di secondo grado, regolarmente iscritti e frequentanti.

Le attività di avviamento alla pratica sportiva, previste e finanziate dall’art. 87 del vigente Contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto scuola, costituiscono il naturale completamento della disciplina curriculare dell’educazione fisica, motoria e sportiva.

Esse sono potenzialmente effettuabili in tutte le istituzioni scolastiche del primo (secondarie di primo grado) e secondo ciclo di istruzione ed hanno come destinatari l’intera platea della popolazione studentesca dei sopra menzionati cicli di istruzione, ivi compresi gli alunni con disabilità nei cui confronti va anzi posto il massimo sforzo di coinvolgimento. Sarebbe auspicabile che il loro svolgimento avvenisse in modo strutturato e programmato al di fuori di occasionali interventi. Ciò rende esplicito il ruolo dei Centri Sportivi Scolastici (CSS) la cui costituzione questo Ministero ha avviato con le Linee Guida del 4 agosto 2009. Pur non essendo possibile renderla obbligatoria, la loro istituzione è opportuna nella misura in cui consente all’avviamento alla pratica sportiva di assumere gli assetti organizzativi definiti sopra richiamati.

Categorie:
Primo Ciclo (riservato alla scuola secondaria di primo grado)
Per le discipline di Atletica Leggera (Campestre e Pista) e Corsa Orientamento sono previste le seguenti categorie:
- Ragazzi/e nati negli anni 2000 - 2001 (2001 nei casi di studenti in anticipo scolastico)
- Cadetti/e nati negli anni 1998-1999

Per tutte le altre discipline sportive la categoria è unica:
Categoria Cadetti/e 1998 – 1999 – 2000 - 2001 (2001 nei casi di studenti in anticipo scolastico).

Le modalità di partecipazione degli alunni/e in ritardo scolastico o in anticipo sono deliberate dalle competenti Commissioni territoriali.

Secondo Ciclo
Categorie per tutte le discipline:
Allievi/e nati negli anni 1995 - 1996 -1997 – (1998 nei casi di studenti in anticipo scolastico). uniores M/F nati negli anni 1993 – 1994. Le modalità di partecipazione degli alunni/e in ritardo scolastico o in anticipo possono essere deliberate dalle competenti Commissioni territoriali

Partecipazione numerica dei docenti e alunni ai GSS
- N° 44 docenti di educazione fisica e 2781 alunni di scuola secondaria di 2° grado.
- N° 33 docenti di educazione fisica e 2374 alunni di scuola secondaria di 1° grado
- Per un totale di 77 docenti di educazione fisica e 5245 alunni di scuola secondaria di 1° e 2° grado

Costituzione dei Centri Sportivi Scolastici per partecipare ai GSS
- CSS scuola sec. di 2° grado n. 15 su 18 Scuole
- CSS scuola sec. di 1° grado n. 22 su 26 Scuole




ATTIVITÀ SPORTIVE PRATICATE DALLE SCUOLE SECONDARIE I° E II°


1) CORSA CAMPESTRE I° n° 19 M 20 F II° n° 12 M - 9 F
2) ATLETICA LEGGERA SU PISTA I° n° 17 M 17 F II° n° 12 M - 7 F
3) CALCIO I° n° 2 M II° n° 3 M
4) CALCIO A 5 I° n° 11 M 4 F II° n° 11 M - 5F
5) DAMA I° n° 2 M 2 F II° n° 2 M - 2F
6) NUOTO I° n° 2 M 2 F II° n° 7 M - 3F
7) PALLACANESTRO I° n° 3 M II° n° 3 M
8) PALLAMANO I° n° 6 M 4 F II° n° 2 M
9) PALLAVOLO I° n° 7 M 9 F II° n° 8 M – 7F
10) PALLATAMBURELLO
11) SCI ALPINO I° n 4 M 2 F II° n° 5 M - 4 F
12) TENNISTAVOLO I° n° 3 M 2 F II° n° 9 M,- 6F
13) VELA I° n° 2 M 2 F II° n° 4 M - 2F






Mostra Iconografica “L’Agonistica tra i Greci d’Occidente”


scarica il depliant




Pieghevole dei luoghi da visitare e delle manifestazioni sportive scolastiche della città di Crotone


scarica il depliant




Mappa delle strutture sportive della città di Crotone


scarica il depliant




Volare alto e far crescere la base



Ufficio Scolastico Provinciale Crotone

Ufficio Scolastico Regionale

Ministero dell'Istruzione dell'Universita' e della Ricerca

Dipartimento della Gioventu'

Ufficio per lo Sport

CONI

AONI

Comune di Crotone

Provincia di Crotone

Regione Calabria

Consulta Provinciale degli Studenti di Crotone

Roma 1960

Giochi della Magna Grecia

Isolimpia - Giochi Isolimpici Partenopei

Cn24