Una regione in movimento 2009/2010

Gioco e sport a scuola



PRIMARIA E INFANZIA
I docenti promuoveranno la didattica delle attività motorie e sportive organizzando "situazioni di apprendimento che facilitino esperienze, scoperte, prese di coscienza e abilità nuove, individuali e collettive che diventano patrimonio personale dell'alunno", all'interno del monte ore obbligatorio.

Il gioco, quale componente fondamentale delle attività motorie e sportive e mezzo privilegiato di apprendimento, consente la realizzazione della dimensione emozionale e sociale. Il gioco inoltre amplia il valore della relazione educativa; questo consente di aderire con maggiore attenzione all'universo motivazionale giovanile e facilita la realizzazione di un processo formativo con appropriate metodologie educative che sostanziano la polivalenza delle esperienze e la gradualità degli apprendimenti.

L'ampliamento delle esperienze motorie dell'alunno verrà favorito dai collegamenti e dalle sinergie che la scuola concretizzerà con i soggetti esterni per realizzare attività complementari di avviamento alla pratica sportiva per lo sviluppo di capacità motorie trasversali, in gruppi sportivi integrati con studenti disabili, anche in rete di scuole. Nella scuola primaria, quindi, si incentiverà la pratica motoria e pre-sportiva nell'extra scuola, anche realizzando e/o intensificando i rapporti di collaborazione territoriale con i soggetti presenti sul territorio.

Nella gran parte delle scuole primarie, i rapporti di collaborazione territoriale con EE.LL., CONI, Federazioni Sportive Nazionali, Discipline Associate, Enti di Promozione Sportiva e Società Sportive, contribuiscono alla realizzazione di esperienze di qualità .

L'analisi dell'esistente, inoltre, ci consente di rilevare gli elementi rappresentativi di un modello riproducibile ed esportabile in grado di sostenere e favorire la progettazione educativa in quelle realtà in cui si evidenziano maggiori elementi di criticità e problematicità .

Nel rispetto dell'autonomia delle singole istituzioni scolastiche, il presente lavoro contribuirà ad elevare a sistema la programmazione delle attività in tutte le scuole. Inoltre, il progetto mira ad assicurare che in ogni scuola vengano effettivamente svolte le ore curriculari di attività motoria.

Percorso progettuale:
1ª fase: Conferenze di servizio a livello provinciale per la presentazione del progetto, entro il 15 novembre 2008;

2ª fase: Inoltro alle scuole del modello di adesione e partecipazione alle attività secondo le modalità previste dal progetto, da acquisire entro il 22 novembre 2008;

3ª fase: Corsi di formazione a livello Provinciale e/o Regionale rivolti ai docenti delle scuole aderenti alle attività, da realizzare entro il 20 dicembre 2008;

4ª fase: Verifica in itinere delle attività a cura dell’Ufficio EFS dell’USP e/o USR;

5ª fase: Manifestazioni conclusive provinciali a cura dell’USP, entro il 15 maggio 2009

Scuola dell’Infanzia
Progetto: "Un movimento da favola"

La celebre favola "la cicala e la formica" sarà "raccontata", "vissuta", "realizzata" ed "interpretata" dai bambini di 5 anni frequentanti l’ultimo anno delle Scuole dell’Infanzia della Regione, attraverso l’uso del linguaggio verbale, mimico-gestuale e motorio e la predisposizione di piccoli e semplici percorsi.

Il bambino sperimenterà, nel clima ludico della scuola dell’infanzia, tutte le forme di movimento nelle sue combinazioni più spontanee, tipiche della motricità di questa età.

Essi costruiranno, con materiali semplici e riciclati, una “mascotte” ispirata alla favola che terrà loro compagnia fino alla manifestazione finale dove condivideranno, con i loro coetanei, il lavoro di un anno.

Scuola Primaria
Attività rivolta agli alunni della:

1^ e 2^ classe – Gioco-Ginnastica: L’attività si basa sulla messa in pratica, sotto forma ludica, di tutti quei gesti che vengono identificati come condotte di base.

3^ classe - Orienteering o Corsa di orientamento: L'orienteering è una prova a tempo in cui il bambini, con l'ausilio di una carta speciale molto particolareggiata ed eventualmente della bussola, deve raggiungere nel minor tempo possibile il traguardo passando attraverso una serie di punti di controllo indicati sul terreno dalla cosiddetta "lanterna". La scelta del percorso è libera, ognuno deve, leggendo la carta, trovare la via più veloce e vantaggiosa per passare dai posti di controllo e giungere al traguardo.

4^ classe – Gioco Atletica: Elementi di base dell’atletica leggera; Si tratta di momenti ludici che hanno come presupposto l’esecuzione di salti, corse in piano e con gli ostacoli, lanci nei quali la tecnica ed il regolamento sono adattati all’età dei partecipanti. Non verranno calcolati i tempi né misurati i salti ed i lanci perché lo spirito è quello di far provare esperienze sportive che siano positive ed entusiasmanti, soddisfare e gratificare i bambini per il solo fatto di essere riusciti a compiere quel determinato gesto.

5^ classe – Gioco Sport: Elementi di base del minibasket; I giochi sono adattati alle capacità dei bambini, le regole modificate, lo sport di riferimento destrutturato per garantire la pratica a tutti i partecipanti. Non ci saranno tempi di attesa, titolari e riserve, arbitri e giudici di gara, in quanto, contemporaneamente, tutti quanti eseguiranno i compiti motori loro assegnati. Questo è, infatti, lo spirito che anima la proposta: partecipazione garantita a tutti nessuno escluso, tempi di gioco uguali per tutti, giochi adatti alle caratteristiche dei bambini consentendo la riuscita dell’esercizio ludico.

Campus Sportivo Scolastico Rivolto agli alunni della quinta classe della scuola primaria della regione aderenti al progetto. Le attività si svolgeranno presumibilmente nel mese di maggio 2009 secondo le indicazioni che saranno fornite dall’USR in un’apposita conferenza di servizio.

L’organizzazione delle attività è subordinata all’erogazione dei fondi da parte della Regione Calabria, dell’USR e/o altri enti.

ADESIONI
SCUOLE DELL’INFANZIA
D.D. 2° Circolo Crotone
D.D. 3° Circolo Crotone
D.D. 4° Circolo Crotone
D.D. 5° Circolo Crotone
D.D. 10° Circolo Crotone
I.C. “M.G. Cutuli” Crotone
I.C. Don Milani Crotone
I.C. Strongoli
I.C. Cirò
I.C. Casopero Cirò M.
I.C. Rocca di Neto
I.C. “V.Alfieri” Crotone
I.C. Torre Melissa
D.D. Cutro
I.C. Papanice
I.C. Casabona
S.P.”Sacro Cuore” Crotone
SCUOLE PRIMARIE
D.D. 2° Circolo Crotone
D.D. 3° Circolo Crotone
D.D. 4° Circolo Crotone
D.D. 5° Circolo Crotone
D.D. 10° Circolo Crotone
I .C”M.G.Cutuli” Crotone
I .C. Don Milani Crotone
I.C. Stongoli
I.C. Cirò
I.C. Casopero Cirò M
I.C. Rocca di Neto
D.D.2° Circolo Isola Capo Rizzuto
I.C. Torre Melissa
D.D. Cutro
I.C. Papanice
I.C. Casabona
S.P.” Sacro Cuore” Crotone
I.C. Petilia Policastro



Torna indietro




Volare alto e far crescere la base



Ufficio Scolastico Provinciale Crotone

Ufficio Scolastico Regionale

Ministero dell'Istruzione dell'Universita' e della Ricerca

Dipartimento della Gioventu'

Ufficio per lo Sport

CONI

AONI

Comune di Crotone

Provincia di Crotone

Regione Calabria

Consulta Provinciale degli Studenti di Crotone

Roma 1960

Giochi della Magna Grecia

Isolimpia - Giochi Isolimpici Partenopei

Cn24